Caricamento

Museo Demm Motociclomotoristico

Il Museo delle moto e dei ciclomotori DEMM è l’ultimo tassello di un progetto culturale volto al rilancio turistico della zona di Porretta Terme.
Inaugurato nel marzo 2005 usufruisce dello spazio messo a disposizione da Graziano Trasmissioni, l’azienda che rilevò gli stabilimenti che furono di DEMM. Il Museo deve la sua nascita a Giuliano Mazzini che ha dedicato una vita intera alla DEMM: entrato come disegnatore meccanico, divenne prima Direttore di produzione, Consigliere delegato ed in fine vicepresidente. A partire dal 1985, assieme al figlio Mosè, iniziò un lungo e minuzioso lavoro di ricerca, recupero, restauro e valorizzazione dei documenti, dei prototipi e dei modelli legati alla leggendaria produzione di moto e ciclomotori. 

Prima di poter ammirare l’allestimento completo bisognò attendere cinque anni, quando in seguito al continuo lavoro di restauro svolto si aggiunsero oltre cinquanta pezzi alla collezione, tra cui si annoverano le plurivittoriose moto da competizione e veicoli di utilità, tra cui i trattori e macchine dal lavoro. In particolare, tra i veicoli da competizione. Visibili agli occhi del visitatore le moto che ottennero numerose vittorie nei campionati nazionali di velocità in salita, velocità in circuito e il celeberrimo “Siluro” che realizzò ben 24 record mondiali. Ciò che è attualmente esposto è testimonianza del prestigioso lavoro svolto dalla DEMM.

Museo Demm Motociclomotoristico

Visita il museo

Il museo è visitabile su prenotazione.
Contatta il museo per organizzare la tua visita.

Informazioni

Il museo si trova in via Mazzini, 230/A a Porretta Terme BO

Contatti:

320 0533370

mose.mazzini@gmail.com

Le visite alla Collezione sono possibili solo su appuntamento

Il museo

La visita è facilitata dall’esauriente scheda tecnica di cui sono corredate tutte le moto e i ciclomotori, divisi in due saloni e ordinati cronologicamente. In questo modo è possibile incontrare il Dick-Dick, il primo ciclomotore DEMM costruito nel 1956, così come la prima moto due tempi 125cc prodotta dall’azienda e colorata con le medesime tinte che contraddistinguevano la produzione di macchine utensili.
Proseguendo la visita al Museo è possibile ammirare un curioso ciclomotore: il “Mini DEMM”, con un’inedita soluzione tecnica del motore installato sul mozzo della ruota posteriore. Una sala è dedicata alla “storia moderna” della DEMM, dove oltre al tecnigrafo adoperato da Giuliano Mazzini per realizzare i suoi progetti, sono ordinatamente disposti i frutti del suo lavoro, come il motore a cilindro orizzontale, che equipaggiava tutta la serie Smily, Ping-Pong, Brio e Quick 2.

Oltre alla produzione moto e ciclomotoristica il museo vanta una completa collezione di strumenti di precisione e misura, realizzati da DEMM nella prima metà degli anni ’40, ed alcuni pregiati oggetti da collezione tra cui spicca un esemplare unico di “Motrice Pia” realizzato dall’Ing. Enrico Bernardi nel 1884: primo esemplare di motore a scoppio al mondo.

Gallery