Caricamento

Modena Motor Gallery: mostra omaggio a Enzo Ferrari e Carlo Abarth.

Notizie dalla Motor Valley
Modena Motor Gallery: mostra omaggio a Enzo Ferrari e Carlo Abarth.

Sesta edizione della 'Modena Motor Gallery', che si svolgerà nei padiglioni di ModenaFiere il 22 e 23 settembre. Questa edizione sarà dedicata a due figure fondamentali dell'automobilismo italiano e della Motor Valley: Carlo Abarth ed Enzo Ferrari. Intorno a questi personaggi è stata costruita una mostra mercato con oltre 350 espositori, a cui saranno presenti i maggiori musei del settore, auto e moto club, commercianti e saloni specializzati, dealer, ricambisti ed editori tecnici.

Formazione 

Anche quest’anno, come da tradizione, Modena Motor Gallery riserva un ampio spazio d’onore agli Artigiani del settore. E’ anche grazie alle loro intuizioni e alla loro maestria che la Motor Valley modenese ha acquisito sempre più prestigio ed è diventata una delle eccellenze del territorio. Lungo tutto il perimetro del "Padiglione A" prende vita la “Strada degli Artigiani”: oltre 30 aziende di carrozzai, tappezzieri, meccanici, elettricisti e restauratori tra i migliori del Paese. 
Quest’anno inoltre con la collaborazione dell’università UNIMORE ed associazioni artigiane si presenterà la prima edizione del corso di formazione per giovani carrozzai. Il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università di Modena e Reggio Emilia (DIEF UNIMORE) si fa promotore di un corso di restauro di carrozzeria di veicoli storici, rivolto a giovani diplomati e lavoratori, per il conseguimento del titolo di “Operatore delle lavorazioni di carrozzeria”.

Per Enzo

Per celebrare il 'Drakè "è stato ideato un progetto espositivo che unisce la più avanzata tecnologia multimediale, per mostrare filmati e interviste dedicate al mondo e all'entourage di Ferrari, messi a disposizione dall’Archivio Fondazione Casa Enzo Ferrari.
Ci saranno inoltre fotografie originali e mai viste prima messe in esclusiva grazie alla concessione della famiglia Panini, e due vetture uniche al mondo", la Auto Avio Costruzioni 815, prima creatura di Ferrari nel 1940 della collezione Righini di Modena, e la Ferrari 195/212 Inter Vignale del 1951 esemplare unico al mondo della collezione privata Umberto Camellini.

Sabato pomeriggio infine ci sarà infine il grande raduno auto Ferrari provenienti da diverse regioni grazie alla collaborazione di diversi Club. 

Per Carlo

Per Abarth, invece, è stata pensata una rassegna che presenterà "alcune tra le vetture piùx emblematiche dello Scorpione: le SportPrototipo, le compatte GranTurismo regine delle competizioni negli anni '60 e '70". 

Nel padiglione C di ModenaFiere la mostra, in collaborazione con Scuderia Tazio Nuvolari Italia, si svilupperà nell'esposizione di auto selezionate affiancate dal racconto dell'uomo che le ha create attraverso storie ed aneddoti come la dieta di mele che si impose per battere un nuovo record di accelerazione.

Oltre alla mostra statica, sarà possibile assistere al raduno di Abarth 112, che domenica pomeriggio dopo una giornata sulle strade della provincia, giungerà alla Modena Motor Gallery. Potrete infine ammirare la splendida Abarth 750 Alemanno Spider.

Radici del futuro

Grande novità dell’edizione 2018 il progetto “Radici del futuro”: un’area interamente dedicata all’evoluzione storica e tecnologica dell’auto elettrica dal 1832 ad oggi. Modena Motor Gallery ha da sempre voluto ricordare con la sua manifestazione l’importanza del passato, della memoria e soprattutto del legame che intercorre tra la regione Emilia Romagna ed il mondo automobilistico, quest'anno volge lo sguardo anche verso il futuro.