back to top

Imola, all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari il funerale di Fausto Gresini.

Notizie dalla Motor Valley

La sua città, Imola, tutta stretta attorno al suo campione. Un mondo, quello dei motori, tutto unito per dare l'ultimo saluto a Fausto Gresini. La cornice della terrazza del Museo Multimediale dell’Autodromo di Imola Checco Costa, all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, per ospitare una cerimonia funebre strettamente e necessariamente privata in ottemperanza agli stringenti protocolli anti contagio disposti nell’opera di contenimento dell’emergenza sanitaria in corso.

Gresini esordì nel motomondiale partecipando al Gp delle Nazioni del 1982, che non concluse a causa di un ritiro. Ha sempre gareggiato solo nella 125, vincendo il suo primo titolo mondiale nel 1985. L'anno seguente si aggiudicò quattro Gp (in Spagna, Europa, Svezia e Germania), ma fu superato, un suo grande rimpianto insieme a quello di non aver mai corso in 250, di sole 12 lunghezze da Luca Cadalora, che si laureò campione del mondo. La rivincita nel 1987, quando si aggiudicò 10 delle 11 gare in calendario. Divorziò alla fine del 1988 dalla Garelli e passò all'Aprilia, poi alla Honda. Nel 1997 nacque il team a suo nome, con sede a Faenza.

Il Covid lo aveva colpito a dicembre e dopo alcuni giorni in ospedale a Imola, le sue condizioni hanno richiesto il ricovero al Maggiore di Bologna, in terapia intensiva. Il 23 febbraio ci ha lasciati uno dei personaggio più importanti e celebri della Motor Valley. Un nome che resterà per sempre nella storia di questa terra dei motori, la sua.

Dettagli
notizia
Organizzazioni Coinvolte